Senti senti...

Con tre quarti di cuore

contrequartidicuore

Amici del blog, oggi vi segnalo la silloge “Con tre quarti di cuore, di Selene Pascasi, (questa è la pagina fan di Facebook) appena uscita per Edizioni Galassia Arte con la prefazione di Andrea Cacciavillani.

Il libro raccoglie 47 componimenti sull’amore, ma spazia anche attraverso altri argomenti (da qui il titolo “Con tre quarti di cuore“) come la lotta al pregiudizio, la giustizia, la forza distruttiva della natura, la violenza sulle donne.

L’autrice, avvocato e giornalista, si occupa da sempre di tematiche sociali e familiari e di violenza domestica e lo fa nelle aule giudiziarie, nella carta stampata (è tra le firme del gruppo “Il Sole 24 Ore“), attraverso pubblicazioni scientifiche e, non da ultimo, per mezzo della poesia.
Ecco cosa scrive di lei in prefazione il poeta e romanziere Andrea Cacciavillani:

Dopo aver letto le prime tre poesie di “Con tre quarti di cuore” di Selene Pascasi mi è tornata subito alla mente una frase anzi direi, piuttosto, una illuminazione di Ungaretti: “Avere luce nel cuore è difficile, soffrire e morire non sono che la sorte di tutti”.
Mi viene da pensare che solo chi ha la luce nel cuore riesce a (ri)dare alla poesia la sua dignità. Che non è per niente quella sequenza di parole barbose e senza senso che ci costringevano a imparare a memoria a scuola ma, la poesia, è l’unico mezzo che l’essere umano ha a disposizione per dimostrare l’esistenza della bellezza.
Quante volte avete sentito o anche pronunciato la frase: “Non si vive di poesia”? Ma se la Pascasi in apertura della sua raccolta dice: “Scrivo poesie in antitesi ai tempi fugaci e violenti…” non sta dimostrando, come singolo essere umano che, invece, senza poesia non si vive? Non serve leggere o scrivere centinaia di componimenti per capire che la poesia irradia dalle cose, che è la densità stessa della nostra capacità di stupirci. Ne basta una o anche meno per fare il primo passo verso l’espressione del bello, del vero e del buono.”

E allora, per far parlare la poesia, vi riporto il testo della lirica che da il titolo alla raccolta:

Con tre quarti di cuore

Con tre quarti di cuore
ritaglio frammenti
di sentimenti
su brividi intensi

Poi mi siedo a cucirli
con fili di lana
sui controsensi
della natura umana

Incastro mille tasselli
di bimba, di donna
fino a creare
un mosaico di me

Vorrei lo osservassi
da un vetro sottile
per fonderti
in ogni mia verità

Con tre quarti di cuore
mi arrendo ai timori
di tatuare
un’impronta di te.

...Buona lettura!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s